Carta dei Vini

Bacco, Dio del Vino, della Vendemmia, delle feste, dell’ impulso vitale, culto della religione romana, deriva dall’ appellativo con cui il Dio Greco Dionisio veniva chiamato nel momento della possessione estatica, nel massimo momento del piacere dato dal tocco dei sensi.

Viene raffigurato come un uomo col capo cinto di foglie di vite e grappoli d’uva, non magro né muscoloso, ma sicuramente con un calice di vino in mano e circondato di frutti della natura.
Il suo culto si chiama “Baccanale” tant’ è che i riti propiziatori per la divinità più amata dal popolo erano diventati nell’antichità un momento di esaltazione di massa.
Questi riti furono aboliti dal senato romano nel 186 a.c.
Ma come non voler bene al Dio Bacco che a differenza dei suoi colleghi dediti alla Guerra (Ares), Strategia Militare (Minerva), Terremoti (Poseidone), Caccia (Artemide), Armi (Efesto) spendeva tutte le sue energie per la tavola, per le Feste, per il buon bere anche esagerando un po’!!!

 

SCARICA:CARTA VINI 2017 Novembre